Ruolo dell’immunità innata nella tossicità indotta da inibitori di Epidermal Growth Factor Receptor - Clinica Dermatologica Diffusa

Breaking

SIDeLP

mercoledì 14 giugno 2017

Ruolo dell’immunità innata nella tossicità indotta da inibitori di Epidermal Growth Factor Receptor

Dr.ssa Saveria Pastore
Laboratorio di Immunologia Sperimentale,
Istituto Dermopatico dell’Immacolata, IRCCS
Fondazione L.M. Monti, Roma

I farmaci che agiscono bloccando l’attività dell’Epidermal Growth Factor Receptor (EGFR) sono ampiamente usati nella terapia combinata di tumori solidi di origine epiteliale. Questa strategia farmacologica poggia sull’osservazione sperimentale che EGFR gioca un ruolo fondamentale nel promuovere la proliferazione e la crescita di cellule di origine epiteliale, e più in generale in tutti gli aspetti dell’omeostasi dei tessuti epiteliali. Tuttavia, la molteplicità delle funzioni protettive di EGFR nell’omeostasi della cute trova conferma nelle manifestazioni di tossicità a carico della cute, che sono molto comuni nei pazienti sottoposti all’uso continuativo di questi farmaci e che caratteristicamente includono eruzioni papulo-pustolose di tipo acneiforme e persistente infiammazione nelle aree foto-esposte, secchezza cutanea, prurito e alta suscettibilità alle infezioni. Il nostro Laboratorio ha dato in passato un contributo specifico all’identificazione degli effettori molecolari, citochine e chemochine, prettamente pro-infiammatori, espressi dai cheratinociti epidermici in risposta ai farmaci anti-EGFR nell’epidermide. Queste molecole sono direttamente responsabili del reclutamento e dell’attivazione di popolazioni leucocitarie, e dunque del consolidarsi di una condizione infiammatoria nella cute. Più di recente, abbiamo caratterizzato i meccanismi molecolari sottostanti a questa attivazione pro-infiammatoria dei cheratinociti epidermici, dimostrando che l’inibizione di EGFR porta specificamente all’attivazione dell’immunità innata anti-virale. E’ nell’ambito di questa attivazione immunitaria, volta alla distruzione di agenti infettivi endocellulari, che si realizza l’incremento di espressione di molecole pro-infiammatorie e pro-apoptotiche e il crollo delle difese anti-batteriche. In questo seminario verranno illustrati i risultati delle nostre ricerche più recenti su questi aspetti molecolari e la loro potenziale rilevanza per la prevenzione del danno cutaneo indotto dai farmaci anti-EGFR.